Posts Taged web

sitipromoblog

“Promo Sites”: i vantaggi di un sito web

Al giorno d’oggi, con l’avanzare delle risorse tecnologiche, sono in molti gli “avventori del web“, ovvero coloro che decidono di investire in questa nuova, importantissima fonte di comunicazione mediatica e, al tempo stesso, di guadagno. Nonostante ciò, sono ancora di più coloro che, trovandosi a gestire una propria azienda, specie se piccola, ritengono dispendioso se non addirittura inutile avere una piattaforma in grado di spalancare una finestra verso il pubblico.

Come molti altri proprietari di imprese medio/piccole o comunque operative a livello locale, probabilmente ritieni di non avere abbastanza denaro extra da poter spendere sul web. Potresti magari pensare che, dal momento che non utilizzi un computer nel tuo lavoro, non possano farlo nemmeno i tuoi potenziali clienti. Si tratta di alcuni pregiudizi errati che dovresti riconsiderare.
Per aiutarti nell’opera, ecco alcuni vantaggi che ti faranno rendere conto di aver bisogno di un sito internet.

 

CREDIBILITÀ

È pur vero che l’abito non fa il monaco, ma un sito web ben realizzato e curato nei minimi dettagli aumenta di molto la credibilità della tua attività. Un cliente che si ritrova spaesato sul tuo sito è un cliente che rinuncerà ad acquistare i tuoi servizi; ancora peggio, se non hai un sito, il cliente in questione si rivolgerà ai tuoi competitors.

 

PUBBLICITÀ A BASSO COSTO

Anche se un sito web può portare notevoli vantaggi, ti starai chiedendo probabilmente se vale la pena acquistare un dominio, se il prezzo di un sito è un prezzo che vale la pena pagare.
In tal caso, ci sono delle buone notizie per te:
Il prezzo di un sito web è variabile, in base alle esigenze del compratore; tuttavia, i costi di gestione sono ridotti al minimo: con un tetto massimo di 20€ mensili, si tratta di un’alternativa molto più economica della pubblicità tradizionale (ad es.: giornali locali, radio, ecc…)  e con un pubblico di gran lunga maggiore.

È SEMPRE ACCESSIBILE, AD UN PUBBLICO GLOBALE

Avere un sito web  fornisce alla tua azienda una seconda importante sede: si tratta di una sede certamente non fisica, ma in grado di attirare un pubblico reale e consistente. La tua nuova sede può essere facilmente resa nota in tutto il mondo attraverso campagne di web marketing atte a stabilire i confini del tuo target di influenza.

RISPARMIA TEMPO E CREA FIDUCIA NEL TUO BRAND

Sicuramente, nella tua attività avrai avuto bisogno di assistere un cliente.
Che si tratti di una telefonata, di un SMS o di una mail, rispondere alle esigenze dei tuoi clienti richiede tempo. Con un sito web e con un apposito catalogo, potrai fare in modo di risparmiare il tuo tempo garantendo allo stesso momento totale supporto alla tua clientela e di conseguenza fidelizzazione al tuo brand.

Che ne pensi, quindi, di ripensarci?
Noi di Web Progress saremo ben lieti di rispondere ai tuoi bisogni commerciali.

Dà un’occhiata ai nostri siti promozionali o contattaci per avere maggiori informazioni!

  • Il tuo nome (richiesto)

  • Oggetto

  • Recapito telefonico (richiesto)

  • La tua email (richiesto)

  • Sito Web

  • Sei un privato o un'azienda?

Il tuo messaggio

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla privacy (ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003)
S'informa che i dati personali trasmessi a "Web Progress" saranno conservati e trattati con le garanzie di sicurezza e segretezza previste dal D. Lg. 30 giugno 2003, n. 196 e verranno utilizzati solo ed esclusivamente per l'assolvimento dell'incarico ricevuto, oltre che per gli obblighi previsti dalla legge.
Il trattamento dei dati potrà avvenire, esclusivamente da parte di soggetti incaricati ai sensi dell'art. 30 del D. Lg. 106/03, in modalità cartacea, telematica e informatica. I dati trasmessi non saranno comunque in alcun modo ceduti, a qualsiasi titolo, a soggetti terzi, salvo il previo ed espresso consenso dell'interessato.
La natura del conferimento dei dati ha carattere facoltativo. Gli stessi dati sono tuttavia necessari per il corretto svolgimento dell'incarico professionale. In mancanza del conferimento è pertanto impossibile svolgere alcuna attività a favore del richiedente.
L'interessato potrà in ogni momento esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D. Lg. 30 giugno 2003, n. 196, tra i quali richiedere la modifica, l'integrazione, l'aggiornamento, la conferma o la cancellazione dei dati conservati.


 

This is excerpt! Not the title. Excerpt.

eCommerce in Italia: +16%, vale 16,6 miliardi di euro

 I settori che più contribuiscono alla crescita sono Turismo (+14%), Informatica ed elettronica di consumo (+21%), Abbigliamento (+19%) ed Editoria (+31%). Rilevante anche l’apporto dei settori emergenti: Food&Grocery, Arredamento e Home living, Beauty (cosmetica e profumeria) e Giocattoli superano insieme quota 1 miliardo di €. Gli acquisti via Smartphone crescono del 64% e valgono il 10% dell’eCommerce nel 2015, il 21% se aggiungiamo quelli via Tablet.

Prosegue la crescita dell’eCommerce in Italia: il valore degli acquisti online degli italiani raggiunge nel 2015 i 16,6 miliardi di euro con un incremento in valore del 16% rispetto al 2014 pari a oltre 2,2 miliardi di euro.

“Contribuiscono a questa crescita i settori che hanno trainato l’eCommerce fino ad oggi, come il Turismo (+14%), l’Informatica ed elettronica (+21%) e l’Abbigliamento (+19%), ma anche l’Editoria (+31%) e, finalmente, i settori emergenti come il Food&Grocery, l’Arredamento e Home living e il Beauty” afferma Alessandro Perego, Direttore Scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. “La penetrazione dell’eCommerce raggiunge il 4% delle vendite retail, ma siamo ancora lontani dai principali mercati occidentali (Francia, Germania, UK e USA) dove l’eCommerce ha raggiunto livelli di diffusione fino a quattro volte più elevati. La strada per trasformare il commercio elettronico in una reale consuetudine di acquisto è tracciata dai principali player: occorre migliorare le prestazioni dei cosiddetti basics, ossia gamma, prezzo e servizio.”

Questo lo scenario del mercato del commercio elettronico presentato dall’Osservatorio eCommerce B2c promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm al convegno intitolato “Social? Mobile? Multicanalità? Sì, ma sono servizio e convenienza la linfa dell’eCommerce in Italia”.*

Il mercato

La crescita dell’eCommerce è trainata, nel Turismo, dall’acquisto di biglietti per i trasporti e dalla prenotazione di camere di albergo. Nell’Informatica ed elettronica, l’apporto arriva dagli acquisti di tv, telefonia, tablet e pc, ma anche di elettrodomestici bianchi. Nell’Abbigliamento continuano a essere determinanti gli acquisti high fashion. Nell’Editoria, la crescita è trainata dai libri, anche da quelli scolastici.

Nell’ambito dei servizi, il Turismo, con 7.762 milioni di euro, arriva a valere il 47% del mercato eCommerce B2c italiano, le Assicurazioni, con 1.235 milioni di euro, il 7,5%, e gli altri servizi (Ticketing per eventi, Ricariche telefoniche, ecc.), con 893 milioni di euro, il 5,5%. Tra i comparti di prodotto spiccano invece l’Informatica ed elettronica, che, con 2.212 milioni, vale il 13% del mercato e l’Abbigliamento che, con 1.512 milioni di euro, pesa per il 9%. Troviamo poi l’Editoria (4% del mercato, pari a 593 milioni di euro), il Food&Grocery (2% del mercato, pari a 377 milioni di euro), l’Arredamento e home living (2% del mercato, pari a 370 milioni di euro) e il Beauty (1% del mercato, pari a 190 milioni di euro). Le altre categorie di prodotto e il c2c (consumer to consumer) pesano per il 9%.

“Il mercato eCommerce B2c resta ancora sbilanciato sui servizi che valgono il 60% dell’acquistato online da consumatori italiani. Tuttavia l’acquisto online di prodotti cresce a un tasso più elevato (+21%) rispetto all’acquisto di servizi (+12%) e così il paniere italiano si sta conformando a quello rilevato nei principali mercati occidentali,” afferma Riccardo Mangiaracina, Direttore dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – Politecnico di Milano.

“Nel 2015 è importante anche l’apporto di Food&Grocery, Arredamento e Home living e Beauty che insieme contribuiscono alla crescita complessiva per quasi 200 milioni di euro. Gli acquirenti italiani acquistano online anche quelle categorie merceologiche, come alimentari o oggetti d’arredamento, fino a qualche tempo fa quasi assenti sul web. L’acquisto di cibi e bevande (vino compreso) rappresenta oggi il 3% circa delle vendite da siti italiani ed è uno dei settori più dinamici nel panorama dell’eCommerce B2c italiano”.

Mobile Commerce ed evoluzione del consumatore online

Gli acquirenti che effettuano almeno un acquisto online nell’arco di tre mesi rappresentano più del 36% della popolazione internet italiana, con 11,1 milioni di consumatori abituali (ossia che effettuano online almeno un acquisto al mese). Lo scontrino medio è di 89 euro, con una ripartizione quasi equivalente tra prodotti e servizi.

Nell’esperienza d’acquisto del consumatore, i dispositivi Mobile giocano un ruolo sempre più rilevante: gli acquisti online tramite Smartphone aumentano del 64%, superano il valore di 1,7 miliardi di € valgono il 10% dell’eCommerce nel 2015, il 21% se aggiungiamo quelli via Tablet.

“Il consumatore online si sta evolvendo in un acquirente multicanale e multidevice, che non concepisce la sua customer experience come un insieme strutturato di canali e strumenti ma è alla ricerca di un unicum nel quale trovare coerenza e continuità durante la sua interazione con l’azienda,” afferma Roberto Liscia, Presidente Netcomm. “Secondo i dati del Net Retail, 8,5 milioni di individui lo scorso anno hanno cercato informazioni online mentre osservavano un prodotto in un negozio (cosiddetto fenomeno dell’info-commerce). Al tempo stesso si osserva anche la dinamica opposta, il fenomeno dello showrooming: 13,6 milioni di consumatori cercano oggi in un negozio un prodotto già visto online nel mese precedente. Questi dati mostrano molto chiaramente come il consumatore utilizzi canali online e offline non in maniera alternativa o cannibalizzando l’uno con l’altro, ma semplicemente ricercando in ognuno di essi la soddisfazione del bisogno che in quel momento lo spinge ad interagirvi.”

L’opportunità colta dalle imprese tradizionali

Sempre più imprese tradizionali, sia commerciali che produttrici, stanno cogliendo l’opportunità di avviare una strategia multicanale per consentire ai propri clienti di proseguire l’esperienza d’acquisto online.
Anche nel 2015 diverse imprese tradizionali hanno, infatti, attivato un sito di eCommerce. Molte le ritroviamo nell’Abbigliamento e negli accessori, comparto in cui la sensibilità nei confronti dell’eCommerce è ormai particolarmente elevata. Altre appartengono al Fai da Te, all’Informatica ed elettronica, al Food&Grocery e all’Arredamento e Home design.
Al tempo stesso, molti retailer o produttori tradizionali vanno online attraverso i marketplace (Amazon, eBay ma anche ePrice) per affiancare un ulteriore canale al sito di eCommerce.
I marketplace inoltre sono utilizzati da chi vuole approcciare il canale online senza velleità di leadership e/o dai piccoli operatori che non hanno i mezzi per investire adeguatamente nello sviluppo di un sito proprio. Un altro vantaggio degli aggregatori è che favoriscono il cross-border eCommerce. Ad esempio per una PMI italiana che vuole vendere in USA è ragionevolmente semplice utilizzare eBay o il marketplace di Amazon piuttosto che attivarsi con un’iniziativa sviluppata in casa.

Bene anche l’Export

L’Export, inteso come il valore delle vendite da siti italiani a clienti stranieri, aumenta del 22% e supera quota 3 miliardi di euro. Il 46% di questo valore è imputabile al Turismo, grazie prevalentemente agli operatori del trasporto e ai portali di hotel, e per il 35% all’Abbigliamento grazie ai retailer con spiccata vocazione internazionale e ai produttori. Con un peso ancora marginale, ma in prospettiva sempre più rilevante, troviamo l’Arredamento e Home living e il Food&Grocery grazie al contributo sia di iniziative specifiche che dei marketplace

 

Desideri maggiori informazioni per sviluppare il tuo business? Contattaci!

  • Il tuo nome (richiesto)

  • Oggetto

  • Recapito telefonico (richiesto)

  • La tua email (richiesto)

  • Sito Web

  • Sei un privato o un'azienda?

Il tuo messaggio

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla privacy (ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003)
S'informa che i dati personali trasmessi a "Web Progress" saranno conservati e trattati con le garanzie di sicurezza e segretezza previste dal D. Lg. 30 giugno 2003, n. 196 e verranno utilizzati solo ed esclusivamente per l'assolvimento dell'incarico ricevuto, oltre che per gli obblighi previsti dalla legge.
Il trattamento dei dati potrà avvenire, esclusivamente da parte di soggetti incaricati ai sensi dell'art. 30 del D. Lg. 106/03, in modalità cartacea, telematica e informatica. I dati trasmessi non saranno comunque in alcun modo ceduti, a qualsiasi titolo, a soggetti terzi, salvo il previo ed espresso consenso dell'interessato.
La natura del conferimento dei dati ha carattere facoltativo. Gli stessi dati sono tuttavia necessari per il corretto svolgimento dell'incarico professionale. In mancanza del conferimento è pertanto impossibile svolgere alcuna attività a favore del richiedente.
L'interessato potrà in ogni momento esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D. Lg. 30 giugno 2003, n. 196, tra i quali richiedere la modifica, l'integrazione, l'aggiornamento, la conferma o la cancellazione dei dati conservati.


 

Nove verità sullo sviluppo web

Nove scomode e sconcertanti verità sullo sviluppo web.